Teoria di Gann

di Pubblicato: 2 Luglio 2019 0 commenti

William D. Gann (1878-1955) è stato un trader americano di successo, che ha scoperto  e sviluppato delle particolari teorie applicabili sui mercati a breve termine (e materie prime in particolare) basandosi su forme geometriche basate non soltanto sui prezzi, ma anche sulla durata dei medesimi. Lo scopo era quello di determinare future linee di resistenza o supporto.

Introduciamo rapidamente quindi questo concetto che non fa parte direttamente della teoria di Gann. Le linee di supporto, sono delle linee “immaginarie” che il trader costruisce quando il prezzo tende a rimbalzare più volte in prossimità di un certo prezzo. Si veda l’esempio sottostante:

Come si nota, il prezzo insiste attorno ad un certo prezzo, solo in alcuni casi per un breve periodo viene superato, ma poi il corpo più tozzo della candela, ovvero il parametro di chiusura se rosso, apertura se verde, indica che questo non viene violato. La linea di resistenza di fatto è il contrario, ovvero quando un prezzo “resiste” alla salita di un prezzo.

Identificare queste linee, sebbene possa sembrare molto poco scientifico, serve all’operatore per comprendere come queste linee si possano ripresentare in futuro come possibile supporto o resistenza, indipendentemente da come sono state create. Infatti molte di esse da resistenza diventano supporti o viceversa, tuttavia l’importanza è identificare un prezzo che può essere considerato critico e su cui basare delle strategie (in genere acquisto poco sopra un supporto, oppure vendita poco sotto una resistenza) oppure ottenere delle conferme da strategie come quelle di Gann e/o Fibonacci.

Gann identifica queste linee suddividendo il movimento di prezzi in ottavi (1/8, 2/8, 3/8, 4/8, 5/8, 6/8, 7/8, 8/8) e terzi (1/3, 2/3) ottenendo delle percentuali che costituiscono i vari livelli, di cui quello più importante è il 4/8, cioè il 50% seguito da 3/8 (37,5%) e 5/8 (62,5%). Se avete letto il capitolo precedente avrete notato che questi numeri sono molto vicini ai ritracciamenti di Fibonacci.

Per rappresentare graficamente il concetto, Gann si avvale delle figure geometriche, in particolare il quadrato di Gann che parte da un valore minimo e uno massimo rappresentativi, da cui disegnare delle linee di tendenza oblique, la cui più importante è sicuramente quella a 45° come rappresentazione perfetta dell’evoluzione del prezzo nel trascorrere del tempo

Ti potrebbe interessare anche...

Articoli simili in Senza categoria

Vuoi dire o aggiungere qualcosa?

sezione commenti aperta al pubblico

Non ci sono ancora commenti!

Puoi essere il primo a commentare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.